Artesella / FONDAZIONE ANT

Home / Progetti
FONDAZIONE ANT



La terapia dello stupore: realtà virtuale a domicilio per migliorare la qualità di vita dei malati di tumore

MORE INFO

Migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici e ridurre l’impatto negativo che l’isolamento socio-sensoriale può avere su di loro è l’obiettivo di The Look of Life, il progetto di realtà virtuale ideato da Fondazione ANT e dall’associazione culturale Menomale con il Centro di Ricerca HIT – Human Inspired Tecnology Research Centre dell’Università di Padova e il partner multimediale Deye VR.

Il progetto ha lo scopo di valutare l’esito clinico e l’utilizzo a domicilio di una tecnologia innovativa con i visori Gear Vr che permettono la fruizione di video immersivi a 360°. Diversi studi ne hanno già dimostrato le potenzialità nell’alleviare e migliorare alcune particolari condizioni cliniche e psicologiche legate a patologie oncologiche o altre malattie croniche invalidanti: in questo caso la realtà virtuale viene portata direttamente a domicilio dei pazienti ANT, proponendone quindi un utilizzo più armonico possibile con le esigenze e i ritmi quotidiani delle famiglie, e indagandone l’efficacia tramite appositi questionari psicometrici validati e interviste semi-strutturate.

Un team di psicologi valuta l’effetto di questa tecnologia sottoponendo agli assistiti video tridimensionali selezionati fra quelli presenti in rete e alcuni creati ad hoc, personalizzati in base ai desideri espressi dai pazienti nel corso dei focus group. I primi video immersivi realizzati da ANT spaziano dal concerto con il premio Oscar Nicola Piovani al percorso paesaggistico e artistico di Arte Sella fino all’esplosione di colori del Parco di Sigurtà.

Le esperienze proposte hanno la potenzialità di regalare un momento rilassante, risvegliare l’attenzione e il piacere della scoperta attraverso emozioni come la meraviglia, la gioia e lo stupore che spesso la malattia rischia di allontanare dalla quotidianità del malato e dei suoi famigliari.

I dati ottenuti dallo studio forniscono risultati incoraggianti circa l’impiego della VR nell’ambito delle cure palliative domiciliari. Infatti, sembra che l’impiego della VR possa apportare un miglioramento a breve termine di alcuni sintomi psicofisici comuni nei pazienti oncologici: nello specifico si osserva una diminuzione del dolore percepito, della stanchezza, dei sintomi ansiosi e un aumento del senso di benessere percepito. Per quanto riguarda invece i risultati a lungo termine, sembrerebbe che l’utilizzo della VR, pur non portando a un significativo miglioramento della sintomatologia del paziente possa attenuarne in modo significativo il peggioramento. Tra i parametri di maggior rilevanza clinica vi sono sicuramente quelli associati al dolore, alla tensione fisica e agli stati d’ansia. Saranno tuttavia necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati ottenuti dallo studio.

FONDAZIONE ANT ITALIA ONLUS

Fondazione ANT Italia Onlus, nata nel 1978 per iniziativa dell’oncologo Franco Pannuti, è la più ampia realtà non profit in Italia per l’assistenza specialistica gratuita domiciliare ai malati di tumore e i progetti di prevenzione oncologica. La sua missione si ispira all’Eubiosia (dal greco antico “la buona vita”) perché la dignità della vita sia preservata in ogni delicata fase della malattia e sino all’ultimo istante di vita. Dal 1985 Fondazione ANT ha portato gratuitamente nelle case di circa 120.000 malati di tumore in 10 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria) un’assistenza socio-sanitaria completa, continuativa e integrata.

Sono 3.400 ogni giorno i malati assistiti dalle 20 équipes socio-sanitarie ANT che garantiscono a domicilio cure di livello ospedaliero (dati aggiornati a dicembre 2016). Sono 520 - tra medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, assistenti sociali, operatori – i professionisti che lavorano per la Fondazione. L’assistenza ai pazienti oncologici è garantita 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, festività incluse. Per il maggior benessere globale del malato, al lavoro dei sanitari si affianca un servizio socioassistenziale che prevede – sulla base delle risorse disponibili sul territorio – visite specialistiche domiciliari, cure igieniche, cambio biancheria, biblioteca e cineteca domiciliare, trasporto del paziente da casa all’ospedale per svolgere esami strumentali che non possono essere eseguiti a domicilio. La Fondazione conta inoltre sull’operato di oltre 2.000 volontari, impegnati sopratutto in attività di raccolta fondi e di logistica nelle 120 delegazioni ANT presenti in Italia.

A partire dal 2015, il servizio di assistenza domiciliare oncologica di ANT gode del certificato di qualità UNI EN ISO 9001:2008 emesso da Globe s.r.l. e nel 2016 ANT ha sottoscritto un Protocollo d’intesa non oneroso con il Ministero della Salute che impegna le parti a definire, sostenere e realizzare un programma di interventi per il conseguimento di obiettivi coerenti con quanto previsto dalla legge 38/2010 per l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. 

ANT porta avanti progetti di prevenzione oncologica per la diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio dei vari progetti sono state visitate gratuitamente più di 148.000 persone in 79 province italiane (dati aggiornati a dicembre 2016). Le campagne di prevenzione si effettuano negli ambulatori ANT in Italia, presso strutture sanitarie messe a disposizione della Fondazione in modo gratuito e infine sull’Ambulatorio Mobile, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) che consente di eseguire sul territorio le visite di prevenzione dei vari progetti portati avanti.

Il Dipartimento della Ricerca e dello Sviluppo Scientifico ANT è nato nel 2003 sotto la guida del Comitato Scientifico ANT, cui spetta il compito di monitoraggio delle ricerche e di definizione delle linee d’indirizzo. Dal 2002 Fondazione ANT organizza corsi rivolti a medici, infermieri e psicologi (per il conseguimento di crediti ECM) agli operatori sanitari e ai volontari, ai familiari dei malati di tumore (corsi per caregivers). ANT svolge inoltre attività di sensibilizzazione nelle scuole di ogni ordine e grado sui temi della salute, della prevenzione, della solidarietà e del volontariato.

ANT è infine inserita in due progetti europei rispettivamente su invecchiamento attivo e in salute e strategie di miglioramento per incrementare la qualità delle cure palliative.



ASSOCIAZIONE ARTE SELLA
Corso Ausugum 55-57
38051 Borgo Valsugana (TN - Italia)
tel. (+39)0461751251
fax (+39)0461756391
P.I. 01294330228
C.F. 01294330228
artesella@yahoo.it

comunicazione@artesella.it
facebook
instagram



Foto Aldo Fedele, Giancarlo Dal Savio e Giacomo Bianchi
© Arte Sella.
Ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell'associazione.

Web project by crushsite.it.